top of page
Logo_ItaliaNascosta.jpg
lettera.jpg

Stefano Nocentini, laureato in Fisica, dirigente d’industria, toscano cosmopolita, ha lavorato e vissuto in varie città in Italia, in Germania e negli USA. Ama scrivere e leggere: apprezza le trame avvincenti, la fantasia senza limiti, la libertà e l’originalità espressiva, la fine ironia, la citazione colta, la coerenza stilistica e artistica, la bella lingua. Detesta il realismo, il neo-realismo, i romanzi-denuncia, i romanzi-inchiesta, i romanzi-verità, i romanzi d’impegno sociale, civile, etico, umanitario, globalista, antirazzista, politico, resistenziale, sindacale, pacifista, femminista, progressista. Evita Madre Coraggio, non legge Gomorra, non guarda Ladri di biciclette. Dorme con una copia de I tre moschettieri accanto al cuscino. Con SensoInverso ha pubblicato: La farina del diavolo, La lettera del diavolo,La farina del diavolo - II e La farina del diavolo - III

LA LETTERA DEL DIAVOLO
La vera storia di Isabella Tomasi di Lampedusa

di Stefano Nocentini

ISBN 9788867933655

Pag. 100 - € 13,00

L’11 agosto del 1676, Isabella Tomasi di Lampedusa (Suor Maria Crocifissa), dopo diciassette anni dal giorno in cui era entrata come novizia nel monastero benedettino di Palma di Montechiaro in provincia di Agrigento, scrisse la cosiddetta Lettera del diavolo. Quel giorno, ultimato il pranzo, era sola nella sua cella e aveva appena intinto la penna d’oca nel calamaio per scrivere una relazione al padre confessore, quando alcune entità cominciarono a manifestarsi. Voci forti, aspre e distorte, cercarono di imporle cosa scrivere sul foglio ancora bianco. Ingaggiò una lotta contro quelli che ritenne essere diavoli, ma questi ebbero la meglio. Suor Crocifissa cominciò a scrivere parole senza apparente senso compiuto. Riempì il foglio di strani e incomprensibili caratteri e svenne. Fu ritrovata dalle altre monache a terra, priva di sensi, con il lato sinistro del viso imbrattato d’inchiostro e nella mano sinistra il foglio fitto di segni oscuri e impenetrabili. Tutto questo fu ufficialmente documentato dalla relazione scritta all’epoca della badessa.
Ma cosa era successo veramente? Si trattava di semplici scarabocchi o di uno scritto di senso compiuto? E se sì, quale, e da parte di chi?
Stefano Nocentini, con stile chiaro e dettagliato, scrive un saggio che si legge come un romanzo, con il quale esamina a fondo un mistero che affascina ancora oggi, analizzando in profondità la figura di suor Maria Crocifissa e dei suoi familiari, delineando un preciso quadro storico dell’epoca, e valutando le risposte che nelle varie epoche si sono date a questo enigma.

bottom of page